skip to Main Content
Ordine Francescano Secolare Fraternità "Santa Maria Nascente" di Sabbiocello - il Signore ti dia pace
Novena All’Immacolata – Primo Giorno. Clarisse Di Gerusalemme.
  • News

fonte: monasteroclarissejerusalem.wordpress.com/blog/

Ci prepariamo nella Solennità della Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, accompagnate dal testo “L’Ancella del Signore”, di Adrienne Von Speyr.

Primo Giorno – LA LUCE DEL SI’

Eccomi sono la serva del Signore. Avvenga di me secondo la tua parola

Come un covone di grano legato al centro si prolunga verso le due estremità così la vita di Maria è concentrata intorno al suo sì, e da qui si dispiega sia a ritroso che in avanti.

Il suo sì dà pieno senso ad ogni momento, gesto, ad ogni preghiera della Madre del Signore.

E dà senso pieno ad ogni momento della sua esistenza, illumina ogni svolta della sua vita, attribuisce ad ogni situazione il suo particolare significato e dona a lei, in tutte le occasioni sempre di nuovo la grazia della comprensione.

È questa la natura di un sì che lega chi lo pronuncia, ma gli concede al medesimo tempo piena libertà di realizzazione. Un sì che non pone condizioni, ma la apre totalmente all’accoglienza.

Con il suo sì Maria rinuncia per sempre a progettare la vita sua e quella del Figlio, la sua esistenza è interamente per Dio, dispone di sé solo nell’atto della donazione completa.

Custodiamo oggi il nostro primo Sì alla chiamata del Signore, quell’adesione iniziale da cui tutto è cominciato, come un primo punto d’ago della tessitura di Dio nella nostra piccola esistenza.

PREGHIAMO:

Ti saluto, o Maria, tutta pura, tutta irreprensibile e degna di lode.

Tu sei la corredentrice,

la rugiada del mio arido cuore, la serena luce

della mia mente confusa,

la riparatrice di tutti i miei mali.

Compatisci, o purissima, l’infermità dell’anima mia.

Tu puoi ogni cosa, perché sei la Madre di Dio;

a Te nulla si nega, perché sei la regina

Non disprezzare la mia preghiera e il mio pianto, non deludere la mia attesa.

Piega il Figlio tuo in mio favore e, finché durerà questa vita, difendimi, proteggimi, custodiscimi.

(S. Efrem il Siro)

 

Back To Top