skip to Main Content
Ordine Francescano Secolare Fraternità "Santa Maria Nascente" di Sabbiocello - il Signore ti dia pace
Novena All’Immacolata – Secondo Giorno. Clarisse Di Gerusalemme.
  • News

fonte: monasteroclarissejerusalem.wordpress.com/blog/

L’infanzia di Maria è già rischiarata della luce del suo “sì”. E’ una preparazione a ciò per cui è stata prescelta e in una misura così totale che fu separata dal peccato originale nel momento del suo concepimento. Fu quindi allontanata da quanto avrebbe potuto indebolire o danneggiare la forza e la perfezione del suo successivo sì.

Il “sì” di Maria è soprattutto grazia. E’, certo, la sua risposta alla proposta di Dio, ma è anche una grazia così grande da potersi dire, al tempo stesso, la risposta divina a tutta la sua vita. Tanto grandi sono la forza   e la libertà’ del suo consenso che è completamente libera anche dalla più lieve propensione a proferire un “no”.

L’infanzia rappresenta sempre un momento preparatorio, di concentrazione, in vista dell’azione decisiva che seguirà in una seconda fase, e sarà, nel caso di Maria, nient’altro che il “sì” capace di determinare ogni cosa. E’ la preparazione a ciò per cui da sempre era stata prescelta.

Oggi faremo memoria della Presenza del Signore in ogni fase della nostra vita, a partire dall’infanzia o giovinezza, ciascuna secondo la propria esperienza, e nella gratitudine dei passi che quotidianamente ci consente di fare, che Lui già vedeva molto prima che noi li compissimo.

Preghiamo:

O Vergine Maria, Madre della Chiesa, a Te raccomandiamo la Chiesa tutta.

Tu che sei chiamata “aiuto dei Pastori”,

proteggi e assisti i vescovi nella loro missione apostolica,

e quanti, sacerdoti, religiosi, laici, li aiutano nella loro ardua fatica.

Ricordati di tutti i tuoi figli; avvalora presso Dio le loro preghiere;

conserva salda la loro fede; fortifica la loro speranza; aumenta la carità.

Ricordati di coloro che versano nelle tribolazioni,

nelle necessità, nei pericoli; ricordati di coloro soprattutto

che soffrono persecuzioni e si trovano in carcere per la fede.

A costoro, o Vergine, concedi la forza

e affretta il sospirato giorno della giusta libertà.

Ascolta, o prediletta da Dio, l’ardente grido

che ogni cuore fedele innalza verso di Te.

Chinati sulle nostre piaghe doloranti.

Muta le menti dei malvagi, asciuga le lacrime degli afflitti e degli oppressi,

custodisci il fiore della purezza nei giovani, proteggi la Chiesa santa,

fa’ che gli uomini tutti sentano il fascino della cristiana bontà.

Accogli, o Madre dolcissima, le nostre umili suppliche

e ottienici soprattutto che possiamo un giorno ripetere dinanzi al tuo trono

l’inno che si leva oggi sulla terra intorno ai tuoi altari:

tutta bella sei, o Maria!

Tu gloria, Tu letizia, Tu onore del nostro popolo.

Amen.

Back To Top