skip to Main Content
Ordine Francescano Secolare Fraternità "Santa Maria Nascente" di Sabbiocello - il Signore ti dia pace
Convento S. Croce. Il Dono Di La Verna.
  • News

Oggi usciamo dalla Serafica città di Assisi e giungiamo in Romagna e più precisamente a San Paterniano di Villa Verucchio (RN). Qui sorge il  Convento di Santa Croce luogo dove San Francesco d’Assisi, di passaggio da Villa Verucchio in occasione del suo viaggio a S. Leo nell’anno 1213, secondo la tradizione avrebbe piantato il bastone al quale si sorreggeva durante il viaggio attorno al quale nacquero radici e foglie: il gigantesco cipresso vecchio di oltre sette secoli che è tuttora visibile nel chiostro.

Il convento viene fatto risalire alla data della morte di S. Francesco, il 1226, ed è considerato il più antico edificio francescano della Romagna. Nel luogo in cui si trovava la cella di San Francesco è stata costruita una cappella.

Dalle Fonti Francescane 1897 – 1898

(1897) “Quanto alla prima considerazione, è da sapere che santo Francesco, in età di quarantatrè anni, nel mille ducento ventiquattro, spirato da Dio si mosse della valle di Spuleto per andare in Romagna con frate Leone suo compagno; e andando passò a pie’ del castello di Montefeltro, nel quale castello si facea allora un grande convito e corteo per la cavalleria nuova d’ uno di quelli conti di Montefeltro. E udendo santo Francesco questa solennità che vi si facea e che ivi erano raunati molti gentili uomini di diversi paesi, disse a frate Leone: « Andiamo quassù a questa festa, però che con lo aiuto di Dio noi faremo alcuno frutto spirituale ».

Tra gli altri gentili uomini che vi erano venuti di quella contrada a quello corteo, sì v’ era uno grande e anche ricco gentile uomo di Toscana, e aveva nome messere Orlando da Chiusi di Casentino, il quale per le maravigliose cose ch’ egli avea udito della santità e de’ miracoli di santo Francesco, sì gli portava grande divozione e avea grandissima voglia di vederlo e d’ udirlo predicare……..”

(1898) “Onde, compiuta la predica, egli trasse santo Francesco da parte e dissegli: «O padre, io vorrei ordinare teco della salute dell’ anima mia ». Rispuose santo Francesco: « Piacemi molto; ma va’ istamani e onora gli amici tuoi che t’ hanno invitato alla festa e desina con loro, e dopo desinare parleremo insieme quanto ti piacerà ». Vassene adunque messere Orlando a desinare, e dopo desinare torna a santo Francesco, e sì ordina e dispone con esso lui i fatti dell’ anima sua pienamente.

E in fine disse questo messere Orlando a santo Francesco: « Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario e salvatico ed è troppo bene atto a chi volesse fare penitenza, in luogo rimosso dalle gente, o a chi desidera vita solitaria. S’ egli ti piacesse, volentieri lo ti donerei a te e a’ tuoi compagni per salute dell’ anima mia ».

Udendo santo Francesco così liberale profferta di quella cosa ch’ egli desiderava molto, ne ebbe grandissima allegrezza, e laudando e ringraziando in prima Iddio e poi il predetto messere Orlando, sì gli disse così: « Messere, quando voi sarete tornato a casa vostra, io sì manderò a voi de’ miei compagni e voi sì mostrerete loro quel monte; e s’ egli parrà loro atto ad orazione e a fare penitenza, insino a ora io accetto la vostra caritativa profferta ».

E detto questo, santo Francesco si parte: e compiuto ch’egli ebbe il suo viaggio, sì ritornò a Santa Maria degli Agnoli; e messere Orlando similmente, compiuta ch’ egli ebbe la solennità di quello corteo, sì ritornò al suo castello che si chiamava Chiusi, il quale era presso alla Vernia a uno miglio.”

 

Guarda il video

Back To Top